Ambiente & risorse

Ambiente & risorse

Bonifiche ambientali e gestione rifiuti.

Impegno e professionalità al servizio dell’ambiente.

Quando le sigarette avevano il filtro in amianto

Al giorno d’oggi la pericolosità dell’amianto è un fatto noto, ma non è sempre stato così. Nel corso degli anni, prima che si scoprisse la sua pericolosità, ne veniva fatto un largo uso e in più ambiti, persino nell’industria di tabacco che per un po’ mise in commercio le sigarette col filtro in amianto.

Il filtro in amianto: le sigarette Kent

Filtro in amianto delle sigarette Kent

La foto che vedete è un filtro di sigaretta del marchio Kent, ancora esistente, che risale agli anni ’50. La Lorillard Tobacco Company, proprietaria del marchio, ideo questo filtro Micronite, un filtro di amianto fatto con asbesto blu. Queste sigarette, rimaste in commercio abbastanza a lungo, furono promosse come “le più sicure di sempre”, pubblicizzate addirittura come un modo per fumare in modo sicuro senza contrarre tumori.

Queste sigarette rimase in commercio dal 1952 al 1956. In questo range di anni ne furono prodotte milioni di esemplari, diffuse e fumate liberamente in tutti gli Stati Uniti d’America. Fortunatamente oggi, queste sigarette sono state tolte dal commercio, ma i danni che hanno provocato sono vivi ancora oggi.

Amianto + fumo: una combinazione letale

Tutt’ora negli Stati Uniti, quando a una persona ultra-settantenne viene riscontrato un mesotelioma, gli viene chiesto se fumasse queste sigarette. Questo è dovuto alla forte pericolosità dell’amianto e del fumo.

Oggi è noto che la combinazione amianto-fumo aumenta la possibilità di sviluppare tumori da amianto del 500%, ragion per cui le ASL consigliano agli operatori che si occupano di amianto di smettere di fumare definitivamente.

Ambiente & Risorse è un’azienda in prima linea per quanto riguarda il problema amianto. Siamo leader in Sardegna e operiamo su tutto il territorio nazionale.

Contattaci compilando il form qua sotto oppure ai recapiti in questo link.

Ti è piaciuto quest’articolo? Seguici su Facebook e non perdere i nostri aggiornamenti!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Leggi anche: